fbpx

Fisioterapia per Fibromialgia: ecco come alleviare il dolore cronico

Novembre 4, 2021 by Fabio Scavelli0
dolore-fibromialgia-e1636018568178.jpg

Come possiamo intervenire con la fisioterapia per fibromialgia per alleviarne i dolori e riportare il paziente a una quotidianità più vivibile? 

La malattia invisibile, come viene definita la sindrome fibromialgica, riguarda oltre 2 milioni di italiani che combattono contro il dolore cronico muscoloscheletrico e delle strutture connettivali fibrose, legamenti e tendini, contro l’astenia, ovvero la debolezza come conseguenza della perdita di forza muscolare, e altri sintomi correlati.

La fibromialgia è conosciuta per essere una malattia complessa, che provoca dolore in tutto il corpo, una condizione che interferisce con la vita quotidiana e che bisogna affrontare con un approccio multidisciplinare, quindi da un punto di vista farmacologico, fisioterapico e psicologico.

Sintomi Fibromialgia, malattia reumatica cronica

La fibromialgia è una malattia di natura reumatica i cui sintomi possono confondersi con quelli di altre patologie. Ecco perché è fondamentale riconoscerla anche in assenza di esami strumentali diagnostici, per affrontarla con i trattamenti adatti.

I sintomi che si possono evidenziare sono di tipo fisico e psico cognitivo:

  • maggiore sensibilità al dolore (la fibromialgia può rendere molto sensibile al dolore in tutto il corpo, al punto che anche un lieve tocco può scatenare risposte eccessive)
  • intorpidimento degli arti
  • spasmi, tremori, formicolii
  • disturbi del sonno, insonnia, scarsa qualità del sonno
  • disturbi della memoria, deficit dell’attenzione e concentrazione, difficoltà a imparare cose nuove
    alterazione dell’umore.

Sono frequenti anche stati di ansia e depressione, legati in parte al dolore cronico che interrompe il sonno e compromette le attività quotidiane.

Ci possono essere periodi in cui i sintomi migliorano o peggiorano, a seconda di fattori quali:

  • maggiore sensibilità al dolore (la fibromialgia può rendere molto sensibile al dolore in tutto il corpo, al punto che anche un lieve tocco può scatenare risposte eccessive)
  • stress
  • cambiamenti nel tempo
  • attività fisica.

Le cause delle Fibromialgia

Non è noto il meccanismo della fibromialgia, anche se le evidenze medico-scientifiche dimostrano una relazione con gli eventi traumatici, fisicamente ed emotivamente stressanti.

Sappiamo, però, che colpisce per lo più donne nella fascia di età 35 – 55, con una maggiore sensibilità del sistema nervoso responsabile di abbassare la soglia del dolore, e con una alterazione dei processi di inibizione del dolore.

Il sistema nervoso centrale (cervello, midollo spinale e nervi) trasmette informazioni in tutto il corpo attraverso una rete di cellule incaricate.

I cambiamenti nel modo in cui funziona questo sistema possono spiegare perché la fibromialgia provoca un’estrema sensibilità al dolore.

Le differenze nel modo in cui il cervello elabora il dolore possono essere viste su scansioni MRI funzionali di persone con fibromialgia.

Uno studio recente condotto dalle Università di Genova e Verona ha poi chiarito la presenza della componente autoimmune nella sindrome fibromialgica. Una falla nel sistema immunitario, in sostanza, trasforma gli anticorpi in nemici dell’organismo.

Un’altra delle cause rinvenute dalla ricerca si può cercare negli squilibri chimici. La ricerca ha scoperto che le persone con fibromialgia hanno bassi livelli di ormoni quali serotonina, noradrenalina e dopamina.

Bassi livelli di questi ormoni possono essere un fattore chiave nella causa della fibromialgia, poiché sono importanti nella regolazione di cose come:

  • umore
  • appetito
  • dormire
  • comportamento

Questi ormoni svolgono anche un ruolo nell’elaborazione dei messaggi di dolore inviati dai nervi. L’aumento dei livelli ormonali con i farmaci che ne contengono, può interrompere questi segnali.

Come scoprire la Fibromialgia?

Come premesso, diagnosticare questa malattia diventa complicato per la somiglianza dei sintomi con quelli di altre patologie, per la mancanza di segni evidenti (lesioni di organi o eventuali alterazioni degli esami da laboratorio), e non da ultimo per l’assenza di test diagnostici precisi.

Resta, dunque, la via dell’esclusione.

Chi si occupa della diagnosi è lo specialista in Reumatologia, attraverso l’analisi dei tender points (punti del corpo doloranti alla pressione) e l’anamnesi.

Fisioterapia per Fibromialgia per alleviare il dolore cronico

Il dolore cronico è il sintomo più importante della fibromialgia, un dolore continuo e diffuso in tutto il corpo che può manifestarsi nella forma di un bruciore e di un dolore acuto, lancinante, in alcune zone specifiche come la schiena e il collo.

Non esistono farmaci per la cura della fibromialgia. Diversi tipi di farmaci possono, però, alleviarne i sintomi e tra questi gli antidepressivi e gli antiepilettici.

Accanto alla cura farmacologica, tuttavia, e in alcuni casi in sostituzione a essa, si ricorre alle terapie fisiche.

Terapie Fisiche: il massaggio, il calore e gli esercizi aerobici e di riabilitazione

Dove per terapia fisica si intenda qualsiasi forma di energia ricevuta dall’organismo attraverso il massaggio, per esempio, ossia attraverso la massoterapia.

Il massaggio opera una riparazione tissutale, allevia il dolore e rilassa il muscolo, oltre ad agire con effetti benefici sull’umore.

Per ridurre il dolore cronico muscolo-scheletrico si possono fare massaggi, che hanno dimostrato di alleviare il dolore e i sintomi correlati alla malattia. Anche i trattamenti rilassanti – la terapia termale o l’esercizio fisico in acqua – aiutano la muscolatura interessata da rigidità. Tutto ciò che determina vibrazione e calore (superficiale e profondo) con diversi tipi di energia, esercita un effetto sul sistema nervoso centrale.

È importante, poi, praticare una leggera attività fisica aerobica con carichi di lavoro bassi e con una frequenza cardiaca tra il 60-70% della frequenza massima.

L’esercizio aerobico a intensità bassa moderata può essere una combinazione di camminata, corsa lenta, cyclette, associato a esercizi posturali per il rafforzamento muscolare e a esercizi di stretching per mantenere la flessibilità.

Gli esercizi aerobici, gli esercizi di rafforzamento e di allungamento muscolare hanno l’obiettivo di migliorare la forma fisica, il tono dell’umore e l’affaticamento, riportando la persona all’attività motoria interrotta a causa del dolore.

Il dolore cronico, infatti, innesca il meccanismo di cadere nell’immobilità e di maggiore stanchezza, finendo così per peggiorare l’umore e la forma fisica, ulteriori aggravanti del dolore durante il movimento.

In conclusione,

la fisioterapia per fibromialgia è uno degli approcci per affrontare il dolore e i suoi effetti. Ma è necessario l’intervento di più specialisti, quindi del Reumatologo, del Neurologo e dello Psicologo, che possa aiutare ad affrontare i problemi con una maggiore positività grazie alla terapia cognitivo comportamentale, al supporto psicologico e alle tecniche di rilassamento.

Per trovare supporto e per approfondire l’argomento sulla Fibromialgia, è possibile consultare il sito dell’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


FISIOLAB nasce con l'intento di promuovere e proporre servizi destinati al benessere e alla cura della persona. Lo studio, con il costante supporto di medici specialisti e fisioterapisti qualificati offre, in regime privatistico, metodiche riabilitative e fisioterapiche all'avanguardia, affrontando l'evento “dolore” con la dovuta tempestività.

Seguici su Facebook

Contattaci

0962 80165

info@fisiolabriabilitazione.it

Orari di apertura

Lunedì al Venerdì

9:00-13:00 / 15:00-19:00

Loc. Topanello, 1 – Rocca di Neto – Kr

© Copyright 2020 - 2025 Fisiolab Riabilitazione - Asaf sas di Scavelli Fabio & Co.- Loc. Topanello, 1 - Rocca di Neto - Kr - P.Iva 03167870793 - tel. 096280165