fbpx

Dolore lombare cronico: cosa fare per il mal di schiena che non passa?

Giugno 24, 2020 by Valentina Montagna0
dolore-cronico-lombare.jpg.jpg

Che cos’è il dolore lombare cronico e quali sono le cause della sua comparsa e presenza costante? Come diagnosticarlo e quali terapie possono alleviarlo?

Come professionisti della riabilitazione sappiamo quanto possa diventare invalidante il dolore lombare cronico, ossia il mal di schiena persistente che si concentra nella zona lombare. Di fatto questa è una delle prime cause di invalidità. 

Sebbene sia un dolore che non ti lascia mai, per fortuna esistono terapie ed esercizi che possono alleviarne i sintomi, dolori e tensioni. 

Prima di tutto, però, bisogna scoprirne le vere cause.

A soffrire di mal di schiena, almeno una volta nella vita, siamo in tanti – almeno 1 persona su 3 – e per cause diverse che possono originare da problemi di tipo medico oppure da disturbi di tipo meccanico, muscolo-scheletrici, e che possono dipendere da cause generiche come per esempio sforzi, posture sbagliate protratte a lungo, o da movimenti scorretti. 

Il dolore lombare – o lombalgia – può diventare cronico, quindi una patologia a tutti gli effetti. Ecco perché conviene intervenire quando il mal di schiena è ancora in una fase acuta, ossia compare ma passa nel giro di poche settimane.

Scoprirne le cause e intervenire prima che il dolore diventi cronico, significa liberarsene in poco tempo. In caso contrario, se il problema non viene trattato al principio, può cronicizzarsi.

Dolore cronico alla zona lombare: riconosci questi sintomi?

Diverso dal dolore acuto – che dura per un periodo di circa 30 giorni – il mal di schiena ostinato persiste anche dopo 5-6 mesi. E questo è il primo segnale del dolore cronico.

Come e dove si manifesta il mal di schiena lombo sacrale?

Il mal di schiena lombo sacrale – o lombalgia – interessa la parte bassa della schiena, ovvero la zona lombare che sostiene tutto il nostro peso. Ecco perché fra le misure preventive consigliate, il controllo del peso è una delle più importanti.

Il dolore può anche raggiungere l’arto inferiore causando l’infiammazione del nervo sciatico (sciatalgia) e dando origine a quella che conosciamo come lombosciatalgia. Ma la stessa sciatalgia può anche essere una delle cause del dolore lombare.

I sintomi della lombalgia cronica sono piuttosto evidenti e semplici da riconoscere:

  • dolore forte e intenso, o di intensità da lieve a moderata, ma persistente
  • rigidità muscolo-articolare
  • difficoltà nei piegamenti e nei movimenti più banali
  • bruciore e formicolii
  • intorpidimento, dolori diffusi a gambe, caviglie e piedi (che possono comparire a seconda delle cause).

Di solito la prima cosa che si fa per alleviare il dolore lombare è prendere il classico antinfiammatorio, con la speranza comprensibile che passi. Purtroppo, però, il sollievo dura poco e il dolore torna.

Il consiglio che possiamo dare è quello di indagare le vere cause del dolore lombosacrale con gli esami di approfondimento, per escludere intanto cause più gravi, diagnosticabili da un medico, e poi per trovare la terapia più giusta con il supporto di un fisioterapista.

La fisioterapia, infatti, può intervenire in caso di problemi meccanici.

Perché viene il mal di schiena cronico?

In questa sede tralasciamo le cause di natura medica che dovranno essere appurate con una diagnosi di 1° livello. 

Fra le cause di tipo meccanico, ce ne sono alcune generiche e altre più specifiche.

Cause generiche

  • vita sedentaria
  • peso corporeo
  • attività sportiva e/o lavorativa
  • sforzi eccessivi 
  • sovraccarico funzionale (postura scorretta che si assume per tante ore).

Cause più specifiche (legate a problemi alle strutture muscolo-articolari e alle strutture nervose):

  • deformità della colonna vertebrale (es: scoliosi) che nel tempo sviluppano il dolore cronico
  • ernia del disco 
  • problemi articolari / artrosi e osteoporosi
  • irrigidimento della muscolatura 
  • problemi alle strutture nervose come stenosi spinale, spondilolisi, laspondilolistesi, radicolopatia (con dolori alla schiena e all’arto inferiore = lombosciatalgia).

Queste sono soltanto alcune delle numerose cause che possono provocare la lombalgia.

Come premesso, per scoprire le cause del dolore lombare cronico bisogna sicuramente affidarsi a una diagnosi precisa, passando per una visita specialistica con anamnesi e valutazione.

Quali sono gli esami di approfondimento per scoprire le cause del dolore cronico alla zona lombare?

L’obiettivo di chi soffre di questo disturbo è senz’altro quello di tornare a vivere con normalità, senza il condizionamento perenne del dolore che impedisce movimenti e attività fin dal risveglio.

Per ottenere una diagnosi precisa è necessario, anzitutto, analizzare i sintomi durante un primo incontro con lo specialista. 

Una diagnosi di 1° livello è fondamentale per escludere quelle cause del dolore lombare cronico, scartare altre patologie non legate a problemi meccanici o funzionali. 

La visita specialistica e gli esami diagnostici come radiografia della colonna, risonanza magnetica ed eventuale esame neurologico, daranno un quadro completo della condizione reale.

Quali sono le terapie e i trattamenti per sedare il dolore lombare cronico?

Per diminuire il dolore forte in modo rapido si ricorre agli antidolorifici. Ma come abbiamo detto, servono trattamenti e terapie per un’azione efficace e a lunga durata contro la lombalgia.


In base ai sintomi riportati e alla condizione del paziente, il fisioterapista valuta alcuni interventi:

  • esercizio fisico
  • massaggi
  • terapie strumentali che agiscono come analgesici per ridurre il dolore (tecarterapia)
  • movimenti di stretching (per migliorare la sintomatologia).

L’obiettivo è quello di ristabilire una condizione ottimale, che non richieda il riposo a letto per un periodo troppo a lungo.

Infatti la cosa migliore è ritrovare la capacità funzionale, ovvero il movimento fisico che agevolerà anche la tensione muscolare. 

In alcuni casi può essere necessaria una terapia del dolore per riacquistare la mobilità, il movimento. 

Non dimentichiamoci poi delle semplici regole per mantenere uno stile di vita sano, che contribuisce a prevenire il mal di schiena e a sedare il dolore cronico della zona lombare: 

  • attività fisica regolare
  • dieta alimentare corretta per il controllo del peso
  • gestione delle emozioni che possono scatenare stress e ansia (potenzianti del dolore cronico).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


FISIOLAB nasce con l'intento di promuovere e proporre servizi destinati al benessere e alla cura della persona. Lo studio, con il costante supporto di medici specialisti e fisioterapisti qualificati offre, in regime privatistico, metodiche riabilitative e fisioterapiche all'avanguardia, affrontando l'evento “dolore” con la dovuta tempestività.

Seguici su Facebook

Contattaci

0962 80165

info@fisiolabriabilitazione.it

Orari di apertura

Lunedì al Venerdì

9:00-13:00 / 15:00-19:00

Loc. Topanello, 1 – Rocca di Neto – Kr

© Copyright 2020 - 2025 Fisiolab Riabilitazione - Asas sas di Strangio e Scavelli & Co.- Loc. Topanello - Rocca di Neto - Kr - P.Iva 03167870793 - tel. 096280165