fbpx

Tecarterapia: cosa cura e quando ricorrere a questo trattamento?

Giugno 17, 2020 by antonella0
Tecarterapia-cosa-cura.jpg

La Tecarterapia è uno dei trattamenti fisioterapici più diffusi e oggi considerati tra i più efficaci per risolvere i problemi del sistema neuro-muscolo-scheletrico.

Il merito dei benefici della Tecarterapia è da ricercare negli effetti curativi del calore – noti da millenni – nel ridurre dolori e infiammazioni ai muscoli, alle articolazioni e alla colonna vertebrale.

Malgrado la sua incredibile diffusione, tuttavia, la tecar non è la soluzione a tutti i mali. Vi sono casi in cui è più raccomandata per risolvere i problemi muscolo-articolari in modo rapido e risoluto, casi in cui sarà lo specialista a valutare il miglior trattamento per la patologia specifica.

In questo articolo vogliamo rispondere alle tante domande che riceviamo in merito alla tecarterapia, in particolare:

  • a cosa serve e quali disturbi può curare?
  • quali sono i suoi benefici?
  • come funziona e quali sono le sue controindicazioni?

Prima di entrare nel dettaglio, vediamo cos’è la terapia tecar e come agisce per il sollievo rapido dal dolore.

Tecarterapia per il sollievo immediato dal dolore

Non c’è dubbio sul fatto che la terapia tecar – una terapia fisica naturale che sfrutta il calore– sia il trattamento elettromedicale più apprezzato per la sua natura “dolce”, perché è praticamente un massaggio che viene fatto con un apposito manipolo, e per gli effetti positivi riscontrati su diverse patologie croniche, traumi e infiammazioni.

Il dispositivo usato durante i trattamenti fisioterapici eroga l’energia che passa per il manipolo, generando e innescando nel corpo il calore che è poi l’essenza stessa della terapia.

Questo calore raggiunge i tessuti organici (molli e duri), riparandoli in modo naturale grazie all’aumento della temperatura interna, riuscendo così ad alleviare dolori e infiammazioni nel giro di poche sedute.

I tempi di guarigione e di recupero sono veloci e il sollievo dal dolore, grazie al calore generato, è immediato.

A cosa serve la Tecarterapia e quali sono i suoi benefici?

Come premesso, la tecar non è la soluzione a tutti i mali. Non è detto infatti che questa terapia sia la più adatta in ogni circostanza.

Questa affermazione vuol rendere giustizia alle terapie che bisogna considerare come strumenti di guarigione, e non come rimedi dall’effetto placebo.

Sarà il fisioterapista a valutare – in base ai sintomi riportati e alla natura del disturbo – se ricorrere alla Tecarterapia piuttosto che al trattamento manuale, all’applicazione di taping o all’esercizio terapeutico. Dipende sempre dal problema e da questo bisogna partire.

Prima di iniziare il ciclo di tecar, infatti, lo specialista dovrà raccogliere i dati necessari per valutarne utilità ed efficacia:

  • analizzare la storia clinica del paziente
  • comprendere sintomi, natura e frequenza del dolore
  • effettuare test specifici ed esami strumentali (Tac, RM, Rx o Ecografia).

 

Cosa cura e a cosa serve la Tecarterapia?

Si ricorre alla tecar per curare patologie dolorose e infiammatorielocalizzate in alcune zone del corpo come mani, spalle, ginocchia, anche, piedi, caviglie, colonna vertebrale.

Cicli di tecar sono prescritti per la riabilitazione post-operatoriae per trattare edemi ed ematomi, disturbi muscolari e osteoarticolari:

  • contratture e lesioni muscolari (contusioni, stiramenti, strappi)
  • lesioni a tendini e legamenti
  • epicondilite ed epitrocleite
  • condropatie
  • artrosi e artriti
  • cervicalgia
  • fascite plantare
  • lombalgia (mal di schiena acuto e cronico)
  • metatarsalgia
  • rizoartrosi
  • sindrome del tunnel carpale.

E quali sono i benefici della Tecarterapia?

Per quanto riguarda i benefici della terapia tecar, chi ha dovuto risolvere i forti dolori causati – ad esempio – da ernie alla colonna cervicale e alla colonna lombare, può raccontare quali siano gli effetti del trattamento.

I pazienti che soffrono di queste patologie con la tecarterapia hanno potuto alleviare il dolore che dalla parte bassa della schiena si diffonde ai glutei, coscia, gamba e piede.

Da una lombalgia iniziale il paziente, infatti, può sviluppare una sciatalgia con dolori molto intensi che impediscono anche i movimenti più banali.

In sostanza, possiamo riassumere i benefici della tecarterapia in questi 3 punti essenziali:

  • allevia il dolore anche già dopo la prima seduta
  • il calore stimola la guarigione del tessuto biologico in modo naturale
  • permette un recupero funzionale in tempi rapidi e con risultati duraturi nel tempo.


Uno degli effetti della tecar è la
vasodilatazione a livello dei vasi sanguigni e linfatici nella zona trattata.

La vasodilatazione aumenta il flusso di sangue nel corpo verso i tessuti organici, innescando un processo di autoguarigione. La maggiore vascolarizzazione rilassa i tessuti, e nel caso di edemi ed ematomi, ad esempio, comporta un naturale drenaggio del gonfiore.

Gli effetti si riscontrano sin da subito con una drastica riduzione dei sintomi dolorosi e con il recupero delle funzionalità.

Come funziona la terapia tecar?

Non entreremo nel dettaglio della meccanica per spiegare come funziona il macchinario per la tecarterapia. Questo testo, infatti, è rivolto al paziente che vuole scoprire quanto e come possa essere utile la terapia tecar per risolvere le sue problematiche.

Il massaggio viene svolto da un manipolo che il fisioterapista passa sull’area da trattare. L’energia generata dal macchinario, trasmessa dal manipolo, raggiunge i tessuti riscaldandoli dall’interno. Il calore prodotto dal corpo scatena quelle azioni benefiche che stimolano la riparazione dei tessuti e che hanno un effetto antidolorifico.

Il dispositivo Tecar lavora in due modalità:

  • capacitiva (per il trattamento dei tessuti molli: muscoli, cute, vasi sanguigni, linfatici, tessuto connettivale)
  • resistiva (per il trattamento di problemi riguardanti ossa, articolazioni, tendini, legamenti, cartilagini, ecc.).

 

La Tecarterapia ha effetti collaterali?

La Tecarterapia è decisamente un trattamento sicuro e non invasivo.

Dopo anni dal suo ingresso nell’ambito fisioterapico garantisce un alto livello di sicurezza ed effetti collaterali limitati ai casi più particolari. Proprio per questa ragione è necessario confrontarsi con lo specialista che potrà valutare caso per caso.

In linea di massima, a meno di ricevere una prescrizione medica dopo opportuno consulto, il trattamento è sconsigliato in questi casi:

  • in gravidanza
  • in presenza di patologie tumorali
  • con particolare sensibilità al calore
  • nelle persone con pacemaker.

In conclusione, la Tecarterapia può risolvere i problemi legati a disturbi e patologie muscolo-articolari in pazienti di età più giovane e adulta, in sportivi e atleti professionisti. Il fisioterapista può associare il trattamento ad esercizi o ad altre terapie manuali.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


FISIOLAB nasce con l'intento di promuovere e proporre servizi destinati al benessere e alla cura della persona. Lo studio, con il costante supporto di medici specialisti e fisioterapisti qualificati offre, in regime privatistico, metodiche riabilitative e fisioterapiche all'avanguardia, affrontando l'evento “dolore” con la dovuta tempestività.

Seguici su Facebook

Contattaci

0962 80165

info@fisiolabriabilitazione.it

Orari di apertura

Lunedì al Venerdì

9:00-13:00 / 15:00-19:00

Loc. Topanello, 1 – Rocca di Neto – Kr

© Copyright 2020 - 2025 Fisiolab Riabilitazione - Asas sas di Strangio e Scavelli & Co.- Loc. Topanello - Rocca di Neto - Kr - P.Iva 03167870793 - tel. 096280165